La Musica nei bambini e ragazzi. Ecco perché è necessario studiarla.

La musica è il linguaggio che accomuna tutto il mondo, in ogni angolo della terra esiste la musica, il canto, il ballo. La musica fa bene, la musica è felicità, la musica è studio, la musica è rispetto, la musica è impegno, la musica è terapia.

Ai bambini fin da piccoli piace ascoltare la musica, fatta di suoni e parole.

La professoressa e ricercatrice Nina Kraus con i suoi recenti studi ha potuto dimostrare che la musica il canto, l’imparare o il saper suonare uno strumento  gioca un ruolo fondamentale nelle capacità linguistiche, e non solo, è stato evidenziato come la musica sia rilevante nello sviluppo cognitivo e sensitivo dei bambini e dei ragazzi. È stato inoltre confermato quanto la musica sia curativa su bambini, ragazzi o adulti con problemi di linguaggio esempio dislessia o addirittura autismo. Da tutto ciò si evince che i bambini che lo studio del canto o di uno strumento rendano i bambini/ragazzi capaci di mantenere una maggior concentrazione e l’attenzione anche in luoghi affollati e rumorosi.

Anche secondo lo psicologo H. Gardner i bambini dotati di capacità musicali, sono attratti dal mondo dei suoni e delle note, e cercano di produrre combinazioni di suoni da soli, anche con oggetti di uso quotidiano, i più grandi invece chiedono di poter suonare uno strumento.
Per ascoltare, cantare o suonare si devono attivare entrambi gli emisferi del cervello permettendo un’ intensa ginnastica della mente i cui benefici sono la possibilità di aumentare le competenze analitiche e matematiche e linguistiche.

Secondo il Dott.Gardner la musica è utile anche ad aiutare il carattere del bambino, aiutandolo a gestire le emozioni, aiutandolo nell’autocontrollo, nella timidezza, e aiutandolo nell’esprimere al i propri pensieri. Aiuta anche la condivisione, aiuta la comunicazione, aiuta l’alleanza, la capacità di lavorare assieme, ed altri studiosi pensano che la musica può aiutare a prevenire il bullismo.

Per cui future mamme, già dalla gravidanza fare ascoltare al bambino brani musicali e ninne nanne e molto utile e continuare nella crescita è ancora meglio!!! Io per tutta la gravidanza ho ascoltato Mozart perché secondo alcuni articoli il ritmo allegro di molte sue sinfonie influisce sul sistema nervoso centrale, regolarizza il battito cardiaco, rilassa e stimola l’attenzione. Anche oggi,  ascolto e faccio ascoltare a mio figlio qualsiasi tipo di musica è spesso metto su un cd di di Mozart a scelta dal cofanetto (contenente 3 cd uno per la nanna, uno per il.gioco, uno per il relax) che ci ha regalato una zia di mio marito. “Un buon spunto per un regalo di nascita”. Noi lo abbiamo veramente gradito e stra usato.

About Floriana

Floriana, sono 'sposata' con Fabio dal 2010 e nel 2013 siamo diventati genitori, da allora sono la super felice mamma del nostro piccolo Daniele, ovviamente Fabio è il suo super papà felice. Ho deciso di aprire questo sito perchè da quando siamo genitori, e da quando sono anche diventata zia del mio splendido nipotino Bryan cerco sempre ristoranti, luoghi per vacanze o altro adatto a mio figlio e al mio nipotino, ovviamente in primis ci sono loro, l'essenza della vita, la ragione di una vita, quelle piccole creature che vanno protette sempre, nulla mi rende più felice nel vederli contenti, ovviamente come tutte le mamme, papà, nonni e zii, la loro felicità è ossigeno puro per noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ChatClick here to chat!+
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: